M. Tozzi
SE/MP23 IRE
Come cambia la determinazione dell'imponibile e dell'imposta per le persone fisiche (Nuova disciplina dei dividendi e delle plusvalenze - Trasparenza fiscale e pianificazione fiscale concordata - Sistema delle deduzioni)
IRE

2005

pp. 368

Prezzo €: 28,00

formato 17 x 24

 

(9788851302702)

 
 
 
 
 
 
 
 
 
L'introduzione dell'IRE - la nuova imposta sul reddito delle persone fisiche in vigore dal 1° gennaio 2005 - è l'atto conclusivo di un percorso iniziato nel 2003 con il varo della no-tax area e la rivisitazione delle modalità di calcolo dell'IRPEF.
Quali saranno le implicazioni del nuovo regime impositivo? Quanto influiranno, su di esso, i novellati criteri di tassazione dei dividendi e delle plusvalenze o gli istituti della trasparenza fiscale e della pianificazione fiscale concordata?
L'autore fornisce una risposta ai quesiti ripercorrendo i punti salienti della riforma attraverso un'analisi dell'interazione con l'IRES (l'imposta sul reddito delle società), delle modalità di determinazione dell'imponibile, del calcolo degli oneri deducibili e delle detrazioni nonché dell'opportunità di ricorrere alla cd. clausola di salvaguardia, meccanismo in base al quale l'imposta dovuta può essere calcolata secondo le disposizioni in essere al 31 dicembre 2002, se più favorevoli.

Prefazione
1. Gli obiettivi della riforma fiscale. La nuova IRES. Lo stato di attuazione dell’IRE:
1.1 Aspetti introduttivi - 1.2 La riforma dell’IRES - 1.2.1 Il nuovo regime di tassazione dei dividendi - 1.2.2 La participation exemption - 1.2.3 L’opzione per la tassazione di gruppo - 1.2.4 La trasparenza fiscale - 1.2.5 La thin capitalization - 1.2.6 Il disinquinamento del bilancio - 1.2.7 Gli altri interventi in ambito IRES - 1.3 Lo stato di attuazione dell’IRE
2. I riflessi IRES nella determinazione del reddito complessivo dei soggetti persone fisiche. La nuova disciplina dei dividendi e delle plusvalenze: 2.1 Premessa - 2.2 Determinazione della base imponibile - 2.3 Il nuovo regime dei dividendi - 2.3.1 Le motivazioni della nuova disciplina dei dividendi - 2.3.2 I nuovi strumenti finanziari. La remunerazione dei finanziamenti eccedenti - 2.3.3 I dividendi percepiti dai soggetti persone fisiche al di fuori dell’esercizio di impresa - 2.3.4 Aspetti ulteriori - 2.3.5 La remunerazione dei contratti di associazione in partecipazione e degli strumenti finanziari - 2.3.6 Gli utili esteri - 2.3.7 I dividendi percepiti dai soggetti persone fisiche in regime di impresa e dalle società di persone - 2.3.8 Il sistema delle ritenute - 2.4 Il nuovo sistema di tassazione delle plusvalenze - 2.4.1 Aspetti introduttivi - 2.4.2 Le plusvalenze realizzate dalle persone fisiche non imprenditori a seguito di cessione di partecipazione qualificata - 2.4.3 Le plusvalenze realizzate dalle persone fisiche non imprenditori a seguito di cessione di partecipazione non qualificata - 2.4.4 Le nuove regole di determinazione del capital gain - 2.4.5 Il trattamento fiscale delle plusvalenze
3. Ulteriori istituti incidenti sulla determinazione del reddito complessivo: la trasparenza fiscale e la pianificazione fiscale concordata: 3.1 L’importanza della trasparenza fiscale e della pianificazione concordata - 3.2 La trasparenza fiscale - 3.2.1 I motivi della c.d. trasparenza fiscale - 3.2.2 Gli aspetti principali - 3.2.3 L’esercizio dell’opzione - 3.2.4 Le conseguenze dell’opzione - 3.2.5 La disciplina degli acconti - 3.2.6 La responsabilità solidale - 3.3 La pianificazione fiscale concordata - 3.3.1 Ambito soggettivo - 3.3.2 Esercizio dell’attività e dati contabili - 3.3.3 Continuità oggettiva e soggettiva - 3.3.4 I vantaggi dell’adesione - 3.3.5 Contributi previdenziali e tassazione agevolata - 3.3.6 Limitazione ai poteri di accertamento - 3.3.7 Cause di inapplicabilità e decadenza - 3.3.8 I primi chiarimenti dell’Amministrazione
4. Il sistema delle deduzioni: 4.1 Introduzione - 4.2 Gli oneri deducibili dell’art. 10 del TUIR - 4.3 Oneri deducibili al di fuori del TUIR - 4.4 La deduzione per garantire la progressività dell’imposizione di cui all’art. 11 del TUIR - 4.5 Le deduzioni per oneri della famiglia del nuovo art. 12 del TUIR - 4.5.1 Il nuovo sistema di deduzione - 4.5.2 La non rilevanza ai fini delle addizionali all’IRPEF - 4.6 Il vecchio sistema delle detrazioni per carichi di famiglia - 4.7 Le differenze tra il 2004 e il 2005 - 4.8 Le conseguenze delle nuove deduzioni
5. La determinazione dell’imposta lorda: 5.1 Premessa - 5.2 Le nuove aliquote - 5.3 Come cambia l’imposta - 5.4 La determinazione dell’imposta dovuta dai titolari di redditi di pensione - 5.5 Rimborso o recupero in successivi esercizi dell’eccedenza di crediti d’imposta e di ritenute. Eventuale utilizzo in compensazione
6. Il sistema delle detrazioni dall’imposta lorda: 6.1 Cenni preliminari - 6.2 Le altre detrazioni di cui all’art. 14 del TUIR in vigore fino al 31 dicembre 2004 - 6.3 Le detrazioni per oneri di cui all’art. 15 del TUIR - 6.4 La detrazione per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio - 6.5 Unità immobiliari facenti parte di fabbricati interamente ristrutturati - 6.6 La manutenzione e la salvaguardia dei boschi - 6.7 Altre detrazioni fuori Testo Unico - 6.8 Le detrazioni per canoni di locazione di cui all’art. 16 del TUIR
7. La clausola di salvaguardia: 7.1 Premessa - 7.2 Il sistema vigente al 31 dicembre 2002 - 7.3 Casi pratici
Appendice Legge delega per la riforma del sistema fiscale
Disposizioni transitorie per l’applicazione delle modifiche al TUIR
Determinazione dell’imposta dovuta dai soggetti persone fisiche
Nuova disciplina dei dividendi
Nuova disciplina delle plusvalenze
Sistema delle ritenute sulle plusvalenze
Trasparenza fiscale
Pianificazione fiscale
Determinazione imposta delle persone fisiche
Clausola di salvaguardia
Determinazione IRPEF con regole vigenti al 31 dicembre 2004
Norme TUIR vigenti al 31 dicembre 2002
Circolare 3 gennaio 2005, n. 2/E
Maurizio Tozzi, funzionario tributario del Ministero dell'Economia e delle Finanze, Dipartimento per le politiche fiscali, dottore commercialista, revisore contabile. Autore di diverse pubblicazioni, collaboratore del quotidiano economico-fiscale "Italia Oggi", partecipa in qualità di docente e relatore a numerosi corsi e convegni attinenti alle problematiche fiscali. Collabora con la Scuola Superiore dell'Economia e delle Finanze in qualità di docente in materie tributarie.