Emanuela Fusa
SE/GDC6 La Valutazione d'Azienda
• Principali metodi valutativi • Problematiche fiscali • Valutazioni in settori speciali • Casi aziendali
La Valutazione d'Azienda

2010

pp. 512

Prezzo €:55,00

Prezzo scontato €41,25

formato 17 x 24

 

(9788851306304)

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Valutare un'azienda significa attribuire un valore, generalmente definito valore del capitale economico, al patrimonio investito, avendo come riferimento lo stato e le prospettive dell'azienda stessa. Diversi sono i motivi che sottostanno a una valutazione aziendale: in genere, l'esigenza si presenta in occasione di operazioni straordinarie, per valutare strategie, per necessità fiscali o, ancora, nel caso di valutazioni contabili.
Partendo dal concetto di azienda come materia di valutazione e dai riferimenti al settore (o ai settori) in cui essa opera, il volume illustra nei dettagli i vari metodi valutativi, ne descrive gli aspetti particolari — anche in relazione alle finalità — affronta le problematiche fiscali che vi sono connesse.
Trovano, inoltre, spazio alcune considerazioni sulle valutazioni in settori speciali come quello delle compagnie aeree, delle società di Energy powerAziende TLC, e sulle problematiche nella valutazione degli start up nelle società della Net Economy.
1. L’azienda come oggetto di valutazione
1.1 L’azienda e le sue caratteristiche
1.2 L’impresa
1.3 L’organizzazione aziendale
1.4 Procedure e processi
1.5 Il controllo interno e la sua affidabilità
2. I settori di riferimento
2.1 Premessa
2.2 Definizione di settore
2.3 La struttura del settore e l’analisi settoriale
2.3.1 Il modello di Porter
2.3.2 Il modello Struttura-Condotta-Performance
3. I valori contabili e le performance d’impresa
3.1 Il bilancio secondo le disposizioni del codice civile
3.1.1 Premessa
3.1.2 L’avvento dei principi contabili internazionali
3.1.3 Le principali indicazioni civilistiche in merito alla predisposizione del bilancio
3.2 Le riclassificazioni
3.2.1 I limiti degli schemi di bilancio disposti dal codice civile
3.2.2 I principali schemi di riclassificazione dello stato patrimoniale
3.2.3 I principali schemi di riclassificazione del conto economico
3.3 L’analisi dei dati e la sua importanza ai fini valutativi
3.3.1 Le rilevazioni contabili ai fini delle analisi
3.3.1.1 La contabilità industriale
3.3.1.2 La determinazione dei costi
3.3.2 L’analisi per indici
3.3.2.1 Premessa
3.3.2.2 Tipologia di indici
3.3.3 L’analisi dei flussi
3.3.3.1 Significato di flusso
3.3.3.2 Costruzione pratica dei flussi finanziari e loro legame con gli aspetti patrimoniali ed economici
3.3.3.3 L’analisi, concetti di base
3.3.3.4 Il rendiconto finanziario
3.3.3.5 Novità introdotte dagli IAS/IFRS: il Documento n. 7
3.4 L’analisi fondamentale nelle valutazioni aziendali
4. Il processo di pianificazione e controllo strumento utile per l’analisi
4.1 La pianificazione: considerazioni generali
4.2 Gli obiettivi
4.3 L’organizzazione
4.4 Le strategie
4.5 Il budget
4.6 Business plan e piano economico e finanziario
4.6.1 Premessa: scopi e contenuti
4.6.2 La predisposizione del business plan
4.6.3 Il lay out, interpretazione dei contenuti
4.6.3.1 La sintesi
4.6.3.2 Il mercato
4.6.3.3 Il prodotto/servizio
4.6.4.4 Il piano di marketing
4.6.4.5 Il piano organizzativo
4.6.4.6 Il piano economico-finanziario
4.7 Il piano finanziario
4.7.1 Il piano finanziario a lungo termine
4.7.2 Il piano finanziario a breve termine
4.8 Business plan e piani aziendali nelle valutazioni
4.8.1 Valenza dei documenti ai fini valutativi
4.8.2 L’approccio del perito
5. Valutazioni d’azienda
5.1 Premessa
5.2 Cosa significa valutare un’azienda
5.3 L’approccio alla valutazione: cosa occorre conoscere e come organizzarsi
5.3.1 Raccolta e analisi delle informazioni principali
5.3.2 Scelta e applicazione del metodo valutativo
5.3.3 Predisposizione della relazione
5.4 Le competenze dell’esperto
6. I metodi valutativi: I metodi classici, formule e interpretazioni
6.1 Considerazioni generali
6.2 Il metodo patrimoniale
6.2.1 Immobilizzazioni immateriali
6.2.2 Costi pluriennali
6.2.3 Immobilizzazioni materiali
6.2.4 Attività finanziarie
6.2.5 Rimanenze di magazzino
6.2.6 Crediti
6.2.7 Passività
6.3 Il metodo patrimoniale semplice
6.4 Il metodo patrimoniale complesso
6.5 Valutazione dei beni immateriali
6.5.1 Concetto di bene intangibile nella contabilità
6.5.1.2 Costi di impianto e di avviamento
6.5.1.3 Costi di ricerca sviluppo e pubblicità
6.5.1.4 I costi di pubblicità
6.5.1.5 I diritti di brevetto industriale e di utilizzazione delle opere dell’ingegno
6.5.1.6 Concessioni, licenze, marchi e diritti simili
6.5.1.7 Avviamento
6.5.1.8 Altre immobilizzazioni
6.5.2 La crescente importanza degli intangibili nell’economia aziendale
6.5.3. I metodi utilizzabili nelle valutazioni degli intangibili
6.5.3.1 Metodi basati sul costo
6.5.3.2 Costo di riproduzione
6.5.3.3 Costo storico residuale
6.5.3.4 Metodi economici
6.5.3.5 Flussi di reddito
6.5.3.6 I metodi di mercato e i metodi empirici
6.5.3.7 Le transazioni comparabili
6.5.4 Il metodo del royalty rate e la valutazione dei marchi
6.6 Gli effetti fiscali delle plusvalenze patrimoniali
6.7 Il metodo patrimoniale: esemplificazione
6.8 I metodi dei flussi: metodi reddituali e metodi finanziari
6.8.1 Premessa
6.8.2 Il metodo reddituale
6.8.2.1 I diversi modelli per l’applicazione del metodo reddituale: determinazione del reddito e sua proiezione
6.8.2.2 Modelli sintetici
6.8.2.3 Modelli analitici
6.9 I valori stimabili e la loro natura, i collegamenti con i modelli finanziari
6.10 La determinazione del reddito normalizzato
6.11 La determinazione del tasso di attualizzazione/capitalizzazione
6.12 L’arco temporale di riferimento
6.13 Il metodo reddituale: esemplificazione10
6.14 Il metodo finanziario
6.14.1 Aspetti pratici: orizzonte temporale di riferimento, tassi di crescita e valore terminale
6.14.2 I tassi di crescita
6.14.3 Applicazione diretta, indiretta e tassi di rendimento
6.14.4 La struttura del capitale e l’attuazione delle scelte
6.14.5 Le formule
6.14.6 Le aziende orientate alla crescita e il metodo finanziario
6.14.7 Le aziende in fase di ristrutturazione e il metodo finanziario
6.14.8 Esemplificazioni
6.14.9 Conclusioni: I redditi attesi quale soluzione operativa alle valutazioni aziendali
6.15 I metodi misti
6.15.1 Le formule
6.15.2 Aspetti problematici: la definizione dei fattori nel metodo misto
6.15.3 Aspetti pratici: orizzonte temporale di riferimento, tassi di remunerazione e di attualizzazione
6.15.4 Esemplificazione
6.16 I metodi empirici e i metodi di mercato
6.16.1 I metodi empirici
6.16.2 Alcune situazioni particolari: banche, assicurazioni, aziende editoriali
6.16.3 I metodi di mercato
6.16.4 I multipli di borsa e le transazioni comparabili
6.16.5 Tipologie di multipli e loro significato
6.16.6 Esemplificazioni (Empirici e P/E)
6.17 I metodi utili a valutare le performance aziendali
6.17.1 L’Economic Value Added (EVA)
6.17.2 Considerazioni sulla metodologia
6.17.3 Esemplificazione
6.18 Il risultato economico integrato
6.18.1 Esemplificazione
6.19 La scelta dei metodi
7. La relazione di stima
7.1 I contenuti della relazione di stima
7.2 Esemplificazione di un lay-out di perizia
7.3 La considerazione dei limiti alle responsabilità del perito
8. Aspetti particolari delle valutazioni
8.1 La valutazione degli investimenti
8.1.1 Premessa
8.1.2 Gli investimenti e le loro tipologie
8.1.3 Come valutare gli investimenti
8.1.4 La struttura finanziaria, la sua determinazione, il costo del capitale
8.1.5 L’investimento azienda: le acquisizioni
8.1.6 Il processo di due diligence
8.1.7 Esemplificazione sulle valutazioni nella due diligence finanziaria
8.2 Le perizie di stima nelle aziende in crisi
8.2.1 Caratteristiche delle aziende in crisi
8.2.2 Il valore delle aziende in crisi
8.3 Le perizie di stima nelle aziende fortemente indebitate
8.3.1 Esemplificazione di un approccio reddituale
8.4 Valutazioni ai fini contabili
8.4.1 La rivoluzione degli IAS/Ifrs e il problema dell’impairment
8.5 Le valutazioni nelle aziende in procedure fallimentari
8.5.1 Aspetti e problematiche particolari
8.5.2 Il ruolo del CTU e dei CTP
8.6 Le valutazioni nelle Quotazioni
8.6.1 Il processo
8.7 Valutazione di gruppi aziendali
8.7.1 Il bilancio consolidato, informazioni utili e gli aspetti organizzativi
8.7.2 L’uso del bilancio consolidato ai fini valutativi: pregi e complicazioni
8.8 Valutazione delle aziende estere
9. La valutazione nelle operazioni straordinarie
9.1 Premessa
9.2 Cessioni ed acquisizioni
9.3 Conferimenti
9.4 Fusioni e scissioni
9.4.1 Le operazioni di fusione
9.4.2 Le scissioni
9.4.3 La problematica dei concambi: aspetti valutativi
9.4.4 Esemplificazione per la determinazione del concambio in un’operazione di scissione
9.5 Trasformazioni
9.6 Gli aumenti di capitale le problematiche dei sovrapprezzi ed i diritti d’opzione
9.6.1 I sovrapprezzi caratteristiche e problematiche
9.6.2 Il diritto d’opzione caratteristiche e problematiche
10. Effetti fiscali
10.1 Premessa
10.2 La variabile fiscale e le strategie imprenditoriali
10.3 L’influenza sui flussi e sulle plusvalenze/minusvalenze patrimoniali
10.4 Alcuni aspetti significativi della tassazione in Italia per le società
10.5 La relazione di stima quale elemento utile a dimostrare la mancanza di elusione nelle operazioni straordinarie
10.6 Conclusioni
11. Alcune considerazioni sulle valutazioni nei settori speciali
11.1 Valutazione di una compagnia aerea
11.1.1 Il settore del trasporto aereo e le sue caratteristiche
11.1.2 Le caratteristiche delle compagnie aeree da considerare nella stima del loro valore
11.1.3 I metodi di valutazione
11.2 Le società immobiliari
11.2.1 Il settore immobiliare e le sue caratteristiche
11.2.2 Le caratteristiche delle società immobiliari da considerare nella stima del loro valore
11.2.3 I metodi di valutazione
11.2.3.1 I criteri di valutazione degli immobili, con particolare riferimento alla stima dei fabbricati
11.3 Le società di Energy power
11.3.1 Caratteristiche del business e del settore
11.3.2 I criteri di valutazione
11.3.2.1 I criteri di valutazione nell’attività di ricerca, le concessioni
11.4 Aziende TLC
11.4.1 Il settore e le sue caratteristiche
11.4.2 I metodi valutativi
11.4.2.1 Problematiche nella valutazione degli start up delle società della Net Economy
11.4.2.2 Il modello di valutazione probabilistico
11.4.2.3 Esemplificazioni
11.5 L’attività di investment banking
11.5.1 Le caratteristiche degli operatori
11.5.2 Gli aspetti valutativi
11.5.2.1 Il metodo Dividend Discount Model
Appendice
Emanuela Fusa, Dottore commercialista, revisore contabile, esperta in operazioni di finanza straordinaria. Consulente Tecnico d’ufficio del Tribunale di Milano, è autrice di numerose pubblicazioni sui temi della finanza aziendale, delle valutazioni e delle problematiche valutative del bilancio.