J.R. Albano
SE/E129 La manutenzione degli edifici
250 schede pratiche

• Schede tecniche
• Pianificazione
• Diagnostica e controlli regolamentari
• Patologie
• Interventi

Editions LE MONITEUR
La manutenzione degli edifici

edizione italiana a cura di C. Talamo

2009

pp. 416

Prezzo €:48,00

Prezzo scontato €36,00

formato 21 x 29,6

 

(978 88 513 0531 4)

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Il testo, interamente adattato e verificato alla luce della normativa italiana, risponde all'esigenza di disporre di dati necessari alla pianificazione delle attività manutentive, sentita da quanti, a vario titolo, progettano e “governano” processi di gestione e manutenzione degli immobili.
Questo volume rappresenta un'utile piattaforma in grado di fornire un quadro conoscitivo generale capace di agire da start up per un graduale processo di pianificazione della manutenzione, anche in vista della compilazione del “fascicolo della manutenzione”.
In 250 schede articolate per parti d'opera ed elementi costruttivi sono riportati i dati conoscitivi e le indicazioni sintetiche indispensabili per la manutenzione programmata, ossia:
• l'individuazione della durata di vita utile di componenti e parti d'opera;
• all'interno del periodo di vita utile, l'elencazione dei più plausibili e probabili degradi e guasti, descritti nei loro effetti e nelle manifestazioni di avvicinamento allo stato di avaria;
• l'indicazione delle operazioni da eseguire per le attività d'ispezione, per gli interventi preventivi e correttivi e per le azioni di sostituzione;
• la frequenza, individuata su base statistica, di tali attività;
• la percentuale di costo di queste attività in rapporto al valore della costruzione a nuovo.
Le schede, che sono riportate nella seconda parte del libro e ne rappresentano il cuore, sono precedute da due importanti contributi:
• una serie di tabelle di sintesi che contengono, per i principali sub-sistemi costituenti l'organismo edilizio (strutture, chiusure, coperture, partizioni interne, impianti di climatizzazione e idraulici, impianti elettrici, sistemazioni esterne), indicazioni circa le più probabili anomalie, articolate secondo livelli di gravità e associate a tipologie d'intervento;
• un capitolo riguardante le prescrizioni relative alle attività manutentive, derivanti dal contesto normativo italiano. A completamento di tali prescrizioni sono riportate, in forma sintetica, le soluzioni adottate dal legislatore straniero utili per chi voglia approfondire alcuni aspetti di rischio particolare, anche rilevanti, non ancora coperti da norme nazionali.
La ‘necessità’ dell’errore di Claudio Molinari
Conoscere per gestire: il contributo delle basi di dati nella pianificazione della manutenzione di Cinzia Talamo
Note del curatore di Cinzia Talamo
Parte 1 – Criteri per la valutazione dello stato degli edifici
Metodi e tabelle di valutazione globale dello stato di un edificio e delle sue componenti
Diagnosi e ispezione regolamentare
di Giancarlo Paganin
Parte 2 – Schede tecniche per la manutenzione delle opere
1. Struttura

1.01 Fondazione
1.02 Pavimentazione su terreno
1.03 Impermeabilizzazione di locali interrati
1.04 Vespaio
1.05 Setto e muro controterra
1.06 Pilastro in calcestruzzo armato
1.07 Setto in calcestruzzo armato
1.08 Trave
1.09 Solaio a piastra
1.10 Solaio con sistema predalle
1.11 Solaio alveolare precompresso a cavi aderenti
1.12 Solaio alleggerito con pignatte
1.13 Balcone e piastra a sbalzo
1.14 Muretti e parapetti
1.15 Imbocco e cordoli di sigillatura
1.16 Muro in blocchi (muro portante o non portante)
1.17 Pilastro e muro in pietra
1.18 Pilastro e muro in mattoni
1.19 Calcestruzzo a vista
1.20 Blocchi intonacati
1.21 Mattoni (aspetti generali)
1.22 Pietra (aspetti generali)
1.23 Cornice e balcone in pietra o in mattoni
1.24 Pilastro
1.25 Solaio con travetti metallici
1.26 Solaio con lamiera grecata
1.27 Scala metallica
1.28 Capriata e portale metallici
1.29 Pilastri e muri con ossatura in legno
1.30 Solaio in legno
1.31 Struttura di copertura tradizionale
1.32 Struttura in legno lamellare
1.33 Capriatina (capriata prefabbricata)
1.34 Protezione antincendio delle strutture (floccaggio e rivestimento)
1.35 Pittura intumescente
1.36 Dispositivo di appoggio (semplice o a cerniera)
1.37 Giunto di dilatazione
2. Chiusura
2.01 Facciata continua, montaggio tradizionale (informazioni generali)
2.02 Facciata leggera ad altezza di piano (informazioni generali)
2.03 Vetrate strutturali aggraffate (sistema con rotule; informazioni generali)
2.04 Profili ed elementi in alluminio
2.05 Giunti e sistemi di tenuta (informazioni generali)
2.06 Pannello di tamponamento isolante
2.07 Pietra aggraffata (o paramenti vari)
2.08 Piattaforma mobile
2.09 Dispositivo di fissaggio del vetro aggraffato
2.10 Vetro strutturale incollato
2.11 Facciata rivestita (informazioni generali per il caso di rivestimento in lamiera grecata in acciaio a doppia pelle)
2.12 Rivestimento in fibrocemento
2.13 Rivestimento in materiali di sintesi
2.14 Rivestimento in legno
2.15 Telaio fisso e anta apribile in legno
2.16 Telaio fisso e anta apribile in acciaio
2.17 Telaio fisso e anta apribile in PVC
2.18 Telaio fisso e anta apribile in alluminio
2.19 Giunto di vetratura
2.20 Giunto di battuta tra apribile e telaio fisso
2.21 Evacuatori di fumi in facciata
2.22 Ferramenta
2.23 Protezione solare esterna in tessuto
2.24 Persiana e gelosia in legno
2.25 Persiana e gelosia metalliche
2.26 Tapparella avvolgibile
3. Copertura e impermeabilizzazione
3.01 Listellatura in legno sotto copertura
3.02 Tavolato in legno
3.03 Isolamento
3.04 Aeratore
3.05 Copertura in tegole
3.06 Copertura in ardesie naturali
3.07 Copertura in tegole di fibrocemento
3.08 Copertura in tegole bituminose
3.09 Copertura in zinco
3.10 Copertura in rame
3.11 Copertura in lamiera d’acciaio
3.12 Copertura in lamiera d’alluminio
3.13 Copertura in lastre di fibrocemento
3.14 Copertura in materiale sintetico
3.15 Pluviale in zinco o in PVC
3.16 Grondaia in zinco o in PVC
3.17 Canale e imbocco del pluviale
3.18 Asfalto
3.19 Monostrato in PVC
3.20 Multistrato (informazioni generali)
3.21 Multistrato su isolante
3.22 Tetto rovescio
3.23 Guaina ardesiata
3.24 Protezione pesante
3.25 Protezione mediante quadrotti o assiti su piedini
3.26 Risvolto autoprotetto
3.27 Cordolo di sigillatura
3.28 Copertina
3.29 Opere murarie in copertura
3.30 Elementi in metallo in copertura
3.31 Cordini di ancoraggio e percorsi protetti
3.32 Lucernario ed evacuatore di fumo
3.33 Vetrata (informazioni generali)
3.34 Apribile di vetrata
3.35 Telo in poliestere
3.36 Struttura di copertura metallo-tessile
3.37 Cavo e strallo
3.38 Componenti
4. Sistemazioni interne
4.01 Parete in tavelloni di gesso
4.02 Partizione leggera con pannelli alveolari
4.03 Partizione interna smontabile (mobile)
4.04 Partizione metallica
4.05 Partizione mobile/estensibile
4.06 Partizione vetrata (eventualmente tagliafuoco)
4.07 Porta (informazioni generali)
4.08 Porta vetrata
4.09 Porta scorrevole
4.10 Porta metallica per locali tecnici
4.11 Ferramenta
4.12 Uscita di sicurezza
4.13 Porta tagliafuoco
4.14 Soglia
4.15 Cilindro e serratura
4.16 Armadi a muro
4.17 Sedili fissi
4.18 Sportello di ispezione
4.19 Corrimano e parapetto
4.20 Scala per ispezioni
4.21 Ringhiera antieffrazione
4.22 Griglia per la presa d’aria
4.23 Controsoffitto in lastre minerali appese (su sottostruttura)
4.24 Soffitto metallico
4.25 Soffitto in stucco o in lastra di gesso
4.26 Parquet
4.27 Pavimento sopraelevato
4.28 Strato galleggiante (cappa)
4.29 Pavimento incollato
4.30 Pavimento posato a malta
4.31 Cotto
4.32 Pavimento gettato in opera
4.33 Impermeabilizzazione interna
4.34 Pitturazione
4.35 Rivestimento in tessuto teso
4.36 Rivestimento incollato (tappezzeria)
4.37 Ceramica
4.38 Stucco
4.39 Segnaletica
4.40 Sanitari per portatori di handicap
5. Impianti idraulici e di climatizzazione
5.01 Caldaia murale a gas
5.02 Caldaia elettrica
5.03 Caldaia a pavimento in acciaio
5.04 Caldaia a pavimento in ghisa
5.05 Bruciatore
5.06 Quadro elettrico
5.07 Scambiatore di calore
5.08 Unità di trattamento acqua
5.09 Evacuazione dei fumi e canna fumaria
5.10 Pompa di circolazione
5.11 Valvola, rubinetto
5.12 Vaso di espansione aperto o chiuso
5.13 Serbatoio di gas (stoccaggio e alimentazione)
5.14 Serbatoio per combustibile liquido (stoccaggio)
5.15 Scalda-acqua elettrico
5.16 Scalda-acqua a gas
5.17 Scalda acqua solare e collettore
5.18 Aerotermo
5.19 Radiatore in acciaio, in ghisa o in alluminio
5.20 Radiatore autonomo a gas
5.21 Convettore elettrico, radiatore ad accumulo o ad infrarossi
5.22 Tubo radiante a gas
5.23 Pavimento radiante ad acqua
5.24 Pavimento radiante elettrico
5.25 Lama d’aria calda
5.26 Termostato
5.27 Regolazione
5.28 Rubinetto termostatico
5.29 Unità di trattamento dell’aria
5.30 Ventilazione meccanica controllata
5.31 Ventilazione
5.32 Condotta di ventilazione
5.33 Valvola e serranda tagliafuoco
5.34 Diffusore lineare
5.35 Soffitto freddo
5.36 Compressore (gruppo frigorifero)
5.37 Condizionatori monoblocco
5.38 Torre di raffreddamento
5.39 Pompa di calore
5.40 Pompa e valvola
5.41 Climatizzazione individuale
5.42 Ventilconvettore
5.43 Filtro dell’aria
5.44 Impianto di pressurizzazione
5.45 Canalizzazione per l’alimentazione dell’acqua
5.46 Coibente
5.47 Cavi scaldanti (antigelo)
5.48 Apparecchi sanitari
5.49 Rubinetteria
5.50 Boiler per acqua calda sanitaria
5.51 Scarico (ghisa o PVC)
5.52 Spurgo, disconnettore, idrometro, valvola di ritenuta
5.53 Idrante
5.54 Colonna secca e umida
5.55 Sprinkler e altri sistemi automatici di estinzione
6. Impianti elettrici
6.01 Trasformatore alta tensione-bassa tensione – quadro generale di bassa tensione – gruppo elettrogeno – gruppo di continuità
6.02 Quadro di distribuzione
6.03 Messa a terra
6.04 Protezione dalle scariche atmosferiche (parafulmine)
6.05 Illuminazione
6.06 Base per lampada ad incandescenza, fluorescente, fluoroscente compatta, ad induzione, a scarica (alogenuri metallici, vapori di Hg, vapori di Na)
6.07 Illuminazione esterna
6.08 Illuminazione interna attraverso sistema con binari
6.09 Illuminazione di sicurezza attraverso lampade ad alimentazione autonoma
6.10 Illuminazione di sicurezza con alimentazione centralizzata
6.11 Sistema di rilevazioni incendi
6.12 Quadro sinottico del sistema antincendio
6.13 Sistema di allarme
6.14 Interruttore manuale (con rottura del vetro o con membrana deformabile)
6.15 Allarme antincendio
6.16 Centralina telefonica
6.17 Impianto audio e amplificazione
6.18 Cablaggio voce, dati, immagini
6.19 Videocomunicazione (1)
6.20 Videocomunicazione (2)
6.21 Telecamera CCD
6.22 Centrale di allarme
6.23 Rilevatore e allarme
6.24 Controllo di accesso
7. Altri impianti
7.01 Porta basculante di garage
7.02 Portone
7.03 Piattaforma elevatrice
7.04 Porta girevole o porta scorrevole
7.05 Cancello elettrico
8. Opere interrate e sottoservizi
8.01 Allacciamento fognario e antiritorno
8.02 Reti di canalizzazione interrate
8.03 Pozzetto di ispezione acque pluviali e acque nere
8.04 Canale di scolo e collettore
8.05 Separatore di grassi (cucina)
8.06 Separatore di idrocarburi (disoleatore per parcheggio)
8.07 Stazione di sollevamento
8.08 Drenaggio (superficiale)
8.09 Drenaggio lineare
8.10 Vasche di decantazione
8.11 Bacino idrico
8.12 Valvola di isolamento
8.13 Irrorazione
8.14 Fossa settica, fossa acque miste
8.15 Vano tecnico
8.16 Valvole di intercettazione su rete interrata
8.17 Camera di tiraggio
8.18 Irrigazione esterna
8.19 Colonna e idrante soprasuolo
9. Sistemazioni esterne
9.01 Carreggiata
9.02 Parcheggio esterno
9.03 Segnaletica
9.04 Terreno stabilizzato
9.05 Pavimentazioni esterne
9.06 Scarpata
9.07 Fossato
9.08 Muro di sostegno
9.09 Recinzione
9.10 Terreno di coltura
9.11 Tappeto erboso
9.12 Siepe
9.13 Albero
Cinzia Talamo
Architetto, dottore di ricerca, professore associato, docente di Tecnologia dell’Architettura presso la Facoltà di “Architettura e Società” del Politecnico di Milano, da tempo si occupa di manutenzione programmata in edilizia. Su questa tematica ha pubblicato molti libri e saggi che restituiscono gli esiti di studi e di sperimentazioni condotti su diversi argomenti, quali tra gli altri: i sistemi informativi per la gestione immobiliare, il piano e il manuale di manutenzione, la formazione per le figure manageriali della manutenzione.
L’edizione italiana si avvale anche dei contributi, in forma di brevi saggi, di Claudio Molinari, architetto, professore ordinario, docente di Tecnologia dell’Architettura presso la Facoltà di “Architettura e Società” del Politecnico di Milano e di Giancarlo
Paganin, ingegnere, docente presso lo stesso Ateneo.